#laghettocogena

Ecco le foto di questa strana pietra, ovviamente è solo suggestione in questo caso, ma si sa che gli antichi celti-liguri

che popolavano queste zone non personificavano le forze della natura come faremmo noi con la nostra mentalità, o come hanno fatto le civiltà greco romane di cui la nostra cultura è intrisa, no, i celti adoravano e credevano nella natura stessa come divinità, non esisteva per esempio il dio della quercia, la quercia era il dio, la divinità.


Non costruivano templi come facciamo noi, per loro era inimmaginabile l’idea di imprigionare la natura dentro a quattro mura, i loro templi avevano gli alberi come mura e la volta stellata come tetto, tutta la natura era un tempio: il bosco era sacro, le stelle erano sacre, le sorgenti erano sacre, erano divinità, manifestazioni della Grande Dea Madre.


Nei boschi considerati sacri, i celti usavano grandi pietre come altrari per officiare i loro riti, antichi storici romani riportano che su queste grandi pietre i celti facevano sacrifici, anche umani….